Browserchoice premia Opera


Da marzo 2010 diversi  milioni di utenti Microsoft europei hanno visto apparire, assieme agli aggiornamenti di sistema, una nuova finestra che consente la scelta del browser da utilizzare per la navigazione web.

La finestra si presenta così
ballot_screen

L’interfaccia del programma ha lasciato perplesso più di un utente, che mi ha chiamato allarmato temendo un virus (il look in effetti non è molto allineato alle normali finestre di sistema di windows, e con l’apparire dei recenti Virus Protector e simili, il dubbio era legittimo). Chiariamo quindi subito che non si tratta di un virus.

Il programma permette di scaricare e installare altri 11 browser differenti rispetto a IE (anche se 33 italiani su 100 non sanno cos’è un browser).  Il ballot screen appare solo nel caso in cui Internet Explorer sia il browser predefinito (diversamente, il programma suppone che l’utente sia già a conoscenza dell’esistenza di altri browser).

Questo è il risultato della transazione (costata a MS circa 1,68 miliardi di Euro) con l’Antitrust europea, che accoglie favorevolmente l’operazione Microsoft.

Opera ringrazia (e dichiara triplicato il numero di downloads) e i produttori di browser minori si lamentano del posizionamento nella finestra del browser ballot, che li penalizza.

Infatti nella prima videata appaiono in ordine casuale i primi 5 browser più famosi (IE8, Opera, Safari, Firefox e Chrome) mentre i 7 minori (Flock, GreeBrowser, Sleipnir, Maxthon, K-Meleon, SlimBrowser e Avant Browser) sono relegati in una seconda videata, che appare solo scrollando col mouse.

Teniamo d’occhio le statistiche di utilizzo dei browser e vediamo gli sviluppi, che si annunciano molto interessanti …